Sarebbe stato un kamikaze a provocare l’esplosione avvenuta alle 10,18 locali (le 9,18 in Italia) nel centro storico di Istanbul, in piazza Sultanahmet. Lo riferisce la Cnn Turk citando almeno un testimone, ma le istituzioni non confermano. Secondo le autorità di Istanbul, ci sono almeno 10 morti e 15 feriti. «Le indagini sulla causa dell’esplosione, il tipo di esplosione e gli autori sono in corso» ha detto l’ufficio del governatore della più grande città della Turchia, annunciando il bilancio della tragedia. È stato imposto il bando sulla trasmissione delle cruente immagini della scena. Il governo turco sospetta che l’esplosione che ha scosso il centro storico di Istanbul sia un atto di terrorismo. «Crediamo che abbia origine terroristica», ha dichiarato un fonte anonima, confermando le testimonianze raccolte dai media locali sul posto, secondo le quali si tratta di un attentato kamikaze. Media locali riportano notizie di turisti tedeschi tra i feriti in piazza Sultanahmet. La piazza è il principale punto turistico della metropoli turca, perché ospita, tra le altre attrazioni, il complesso della Moschea Blu. Diverse ambulanze sono giunte sul posto e la polizia ha isolato la piazza. Si teme che ci possa essere un secondo scoppio nella zona. Secondo le notizie dell’emittente Cnn Turk, lo scoppio è avvenuto nei pressi dell’obelisco di Teodosio in piazza Sultanahmet, nel centro storico di Istanbul. L’esplosione è stata così forte da essere udita in tutto il quartiere, che ospita alcuni dei luoghi più famosi della città: il palazzo di Topkapi, la Moschea Blu e l’ex basilica di Aya Sofia. La Farnesina sta verificando se ci sono italiani coinvolti nell’esplosione a Istanbul. L’unità di crisi è in costante contatto con il consolato italiano. Nelle stesse ore un incendio è divampato all’interno di un cantiere in un centro commerciale di Maltepe, nella parte asiatica di Istanbul, causando il panico nell’intero quartiere per il denso fumo alzatosi dall’edificio. In seguito all’incendio 14 operai presenti sul cantiere sono dapprima rimasti intrappolati, poi sono stati intossicati dal fumo ed immediatamente portati in ospedale. In questo momento, in base a quanto riportato dai media turchi, sarebbero altri 6 gli operai rimasti intrappolati all’interno, sui quali si stanno concentrando gli sforzi dei vigili del fuoco per liberarli.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra