C’è una canzone di Raf scritta nel 1989 che si intitola “Cosa resterà di questi anni ‘80”. Io sono nata a metà di questi anni quindi li ho vissuti in parte e in maniera inconsapevole. Da come mi è stato raccontato devono essere stati degli anni davvero belli e la musica era fantastica. Io conosco “solo” questo aspetto di quegli anni in quanto sono stata cresciuta a latte e musica:pensate che per svegliarmi la mattina per andare a scuola (alle elementari) i miei genitori mettevano su qualche disco nel giradischi, di solito un 45, così io mi alzavo più volentieri. Reduce di questi trascorsi infantili mi sono ritrovata spesso ad ascoltare la musica di quel tempo trovandola molto spesso affascinante anche a distanza di tempo quindi posso solo immaginare cosa sia significato ascoltarla in “diretta”. Basta andare su youtube e di video sugli anni ’80 se ne trovano a bizzeffe e per tutti i generi. Vivere indirettamente gli anni ’80 ascoltando questa musica e sentendo la voce di chi li ha vissuti davvero mi fa nostalgia, ma allo stesso modo è come se li avessi passati pure io. L’importante è che non ci facciamo trascinare troppo dal passato, dai ricordi ma dobbiamo cercare di vivere bene il presente, memori delle esperienze maturate, consci del presente e speranzosi per il futuro. Rimembrare (parola che usò molto spesso Leopardi) non fa male, basta che rimanga un ricordo e non un rimpianto.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra