Bocciata dalla Commissione Disciplinare la proposta del procuratore federale che aveva chiesto oltre a 90 giorni di stop anche 200 mila euro di ammenda per il tecnico bianconero.’No’ inoltre a -5 punti di penalizzazione per il Siena. Accolta invece la richiesta di -1 a Torino e Varese. Palazzi attaccato all’ingresso del Foro Italico da ultrà juventini. La Commissione Disciplinare ha respinto la richiesta di patteggiamento per Antonio Conte. La Commissione ha ritenuto non congrua la squalifica di tre mesi con 200 mila euro di ammenda, proposta dal procuratore federale Stefano Palazzi dopo il patteggiamento con l’attuale tecnico della Juventus, nel corso del processo sul calcioscommesse in corso a Roma. Le parti possono formulare un nuovo patteggiamento.La Commissione disciplinare, che è presieduta da Sergio Artico, ha invece accolto la richiesta di 1 punto e 30 mila euro di ammenda a Torino e Varese. Mentre è stata respinta la richiesta per il Siena (5 punti di penalizzazione e 20 mila euro di ammenda e altri 20 mila in continuazione). In tutto la Disciplinare ha rigettato sette richieste di patteggiamento e ne ha accettate nove. Nel dettaglio la Commissione ha respinto le richieste del Siena, di Antonio Conte, così come quelle di Savorani, Alessio, D’Urbano, Poloni e Passoni. Accolto il patteggiamento per Carobbio (4 mesi), Da Costa (3 mesi e 30 mila), Faggiano (4 mesi inibizione), Gervasoni (3 mesi), Larrondo (mesi 3 e 20 giorni 30mila euro), Sala (2 anni), Stellini (2 anni 50mila), Torino (-1 punto 30mila euro), Varese (-1 punto 30mila euro). Antonio Conte, deferito per due omesse denunce relative a presunte combine delle partite Novara-Siena e Albinoleffe-Siena, avrebbe dovuto ricevere una squalifica di 6 mesi più 1 per continuazione. Il tecnico bianconero aveva poi trovato un accordo con la Procura federale, dopo il patteggiamento: sanzione ridotta a 3 mesi e 200 mila euro di ammenda, con la devoluzione dell’importo, come richiesto dallo stesso Conte, a enti benefici e solidaristici a discrezione della federazione. Clima teso prima del processo nell’ambito dell’inchiesta sul calcioscommesse. Palazzi entrando nell’ex Ostello della Gioventù al Foro Italico di Roma (sede del processo) è stato contestato da una ventina di ultrà juventini. I tifosi juventini hanno gridato al procuratore federale “giù le mani da Conte”, “Buffone” ed hanno mostrato uno striscione con scritto “Palazzi uomo di m…”.

 

 

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra