Si e’ conclusa dopo quasi otto ore un’operazione anti-terrorismo in grande scala a Saint-Denis, sobborgo alla periferia settentrionale di Parigi. L’obiettivo era la mente degli attentati di venerdi’ e di altre azioni, il belga di origine marocchine Abdelhamid Abaaoud di cui da tempo si erano perse le tracce. Al termine dell’intervento delle teste di cuoio sono state uccise due persone e sette sono state fermate. Sono morti almeno due terroristi: una donna si e’ fatta saltare in aria durante l’assalto della polizia e un altro dei terroristi, un cecchino, e’ rimasto ucciso. Un altro terrorista resiste, trincerato all’interno dell’appartamento, situato nel centro di Saint Denis (vicina allo Stadio di Francia dove venerdi’ alle 21,20 e’ iniziato il massacro) e dall’alba circondato dalle forze di polizia. Il ministro della Giustizia, Christiane Taubira, ha annunciato a Europe 1 sarebbe finita, versione smentita dalla polizia. C’e’ stata anche una terza vittima, un passante, rimasto colpito dal tiro incrociato tra le forze dell’ordine e i terroristi. Cinque agenti delle forze speciali della polizia sono rimasti leggermente feriti. Due le persone arrestate. In zona e’ arrivato anche l’esercito con centinaia di soldati. L’operazione e’ cominciata intorno alle 04:30, quando gli uomini dell’antiterrorismo della polizia giudiziaria e il Raid, sono entrati in azione. La zona e’ stata transennata e si sono sentiti spari in maniera intermittente almeno per un’ora. Altre esplosioni sono risuonate intorno alle 07:30. . Secondo una fonte della polizia, l’obiettivo dell’assalto e’ Abdelhamid Abaaoud, l’uomo che si ritiene sia stato il ‘cervello’ degli attentati di venerdi’. Membro dell’Isis, che ha rivendicato gli attentati, questo jihadista belga di 27 anni, soprannominato Omar Soussi o Abou Omar al-Baljiki, e’ ricercato da gennaio ed e’ sospettato di aver pianificato gli attentati in Belgio.

Nel blitz ha perso la vita anche Diesel, il cane eroe. Diesel era un pastore belga di 7 anni ed è rimasta vittima del blitz dopo però aver salvato eroicamente almeno una decina di agenti delle teste di cuoio e delle forze speciali francesi. Il cane è stato ucciso da una donna kamikaze che risiedeva nell’appartamento a Saint Denis assieme ad altri terroristi. Tanti i messaggi di cordoglio apparsi in Rete. L’hashtag #JeSuisChien, creato per l’occasione, risulta tra i più popolari in Francia e non solo. La stessa polizia ha pubblicato due tweet per ricordare il cane d’assalto in forza al Raid, Recherche Assistance Intervention Dissuasion, le forze speciali francesi.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra