Arrestati dai carabinieri del Ros due presunti autori dell’omicidio del piccolo Cocò Campolongo, il bambino di soli tre anni ucciso e bruciato in auto a Cassano allo Jonio, insieme al nonno e alla compagna di questi, il 16 gennaio 2014. L’efferato omicidio aveva commosso l’Italia e anche papa Francesco aveva ricordato Cocò durante l’Angelus. Gli arresti sono stati compiuti stamani dai militari del Reparto operatico e da quelli del comando provinciale di Cosenza che hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, richiesta dalla procura distrettuale antimafia di Catanzaro. I due indagati, di cui non sono stati ancora resi noti i nomi, devono rispondere del triplice omicidio di Giuseppe Iannicelli, 52 anni, della compagna marocchina Ibtissam Touss, di 27, e – appunto – del nipotino dell’uomo, Nicola ‘Coco’ Campolongo, di tre anni. I loro cadaveri furono trovati carbonizzati all’interno di un’autovettura. Le indagini accertarono che i tre furono uccisi con diversi colpi di pistola; poi, i corpi furono bruciati. Il 26 gennaio 2014, dieci giorni l’omicidio, Papa Francesco rivolse a Cocò un pensiero e una preghiera in occasione dell’Angelus in piazza San Pietro: chi ha ucciso un bambino così piccolo, «con un accanimento senza precedenti nella storia della criminalità, si penta e si converta», aveva detto il Pontefice, che qualche mese dopo incontrò anche il padre del bimbo, detenuto nel carcere di Castrovillari. Il piccolo Cocò veniva usato dal nonno, che lo portava sempre con sè, come scudo protettivo per dissuadere i suoi nemici dal compiere agguati nei suoi confronti. È quanto hanno riferito i carabinieri del Comando provinciale di Cosenza. È una delle ipotesi avanzata dai carabinieri, che oggi hanno arrestato due persone accusate di avere ucciso il bambino di tre anni insieme al nonno Giuseppe Iannicelli e alla compagna marocchina di lui a Cassano all’Ionio nel gennaio di quasi due anni fa. Secondo quanto emerso nel corso delle indagini, il contesto in cui è maturato l’omicidio è quello del traffico di droga. Gli autori dell’efferato delitto frequentavano gli stessi ambienti di Iannicelli, da qui l’ipotesi che il nipotino li conoscesse bene e dunque la decisione di non risparmiarlo all’atroce fine a cui era destinato il nonno. Sarebbe da collegare a contrasti per la spartizione dei proventi del traffico della droga l’agguato nel quale furono uccisi Giuseppe Iannicelli, la compagna marocchina ed il nipote di tre anni. Iannicelli, che sarebbe stato legato alla cosca degli zingari, che gestisce il traffico della droga nella zona dell’alto Jonio cosentino, avrebbe tentato di assumere un ruolo autonomo e per questo motivo sarebbe stato assassinato. Erano già detenute le due persone accusate di avere eseguito materialmente, nel gennaio del 2014, a Cassano allo Jonio, l’omicidio del piccolo Cocò Campolongo. Ai due i carabinieri hanno notificato nel carcere di Castrovillari (Cosenza), dove sono ristretti, le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip distrettuale di Catanzaro su richiesta della Dda. I presunti assassini di Cocò erano già detenuti perchè arrestati per traffico di droga nel 2014nel corso di un’indagine sulla «cosca degli zingari». «Vorrei esprimere la gratitudine mia e del governo agli inquirenti, alle forze dell’ordine e a tutti i servitori dello Stato che hanno raccolto gravi indizi su killer e mandanti del terribile omicidio del piccolo Cocò, il bimbo di 3 anni ucciso e poi bruciato a Cassano allo Jonio». Lo scrive su Facebook il premier Matteo Renzi. «Niente – aggiunge – potrà sanare il dolore per l’accaduto, ma sono e siamo orgogliosi delle italiane e degli italiani che ogni giorno combattono contro la criminalità e per la giustizia: grazie». La cosca degli Zingari temeva che Giuseppe Iannicelli potesse collaborare con la giustizia e per questo motivo lo hanno ucciso. È quanto emerso dalle indagini che hanno portato all’arresto dei due responsabili dell’omicidio del 52enne di Cassano all’Ionio, del nipotino Cocò di tre anni e della compagna marocchina 25enne. I dissidi con la cosca Abbruzzese erano in corso da tempo e si erano acuiti quando la notizia della possibile collaborazione iniziò a circolare negli ambienti criminali. Per il triplice omicidio sono stati arrestati Cosimo Donato, di 38 anni, e Faustino Campilongo di 39 anni, entrambi già detenuti al carcere di Castrovillari.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra