Dal corriere.it

Esplodono le iscrizioni anche in Italia. Ma gli psicologi avvertono: «Attenzione a illudersi» E io sono mesi che parlo di illusione…

Prima di riprendere l’articolo dal corriere.it devo assolutamente dire la mia su questo social network. Il mio pensiero è comunque molto simile a esponenti del settore molto piu importanti di me, basta leggere l’articolo qui sotto.  Su facebook c’è gente che non sa esprimere il proprio pensiero, che parla attraverso i testi delle canzoni, donne adulte sole come cani che si accontentano di pseudo storie online con dei  ragazzini con tanti problemi di socializzazione, sono loro i primi a non sapersi esprimere, hanno idee che non sono le loro, riprese dai film, dalle canzoni, dalle frasi riprese dal web. Su Facebook ci sono pagine create da persone che nella vita non hanno avuto molto, e che credono che un social network possa illuderli che tutto vada bene. Ci sono donne e uomini che non riescono ad avere una vita normale, non hanno amici, parenti assenti, vita inesistente, e si tuffano nella rete, soprattutto su facebook, per riempire un vuoto che rimarrà tale, almeno fino a quando non capiranno che la vita vera è fuori dalla loro stanza. Non voglio generalizzare, ma una grande  percentuale di tutte le  persone che conosco e che hanno tutti questi problemi, passano la vita davanti ad un pc, aspettando che qualcuno sia online…

Un clic e si diventa amici, si ritrovano ex compagni di scuola, oppure antiche fiamme. E sui comincia a condividere pezzi di vita, foto e video. Per senitrsi meno soli. E’ la Facebookmania, una passione in rapido aumento anche in Italia: E’ una febbre che contagiato in particolare la fascia tra i 30 e i 40 anni, e non a caso: questo mondo virtuale è infatti vissuto come un antidoto al senso di vuoto e alla solitudine, che in questa fase della vita, fitta di bilanci, contagia anche i cosiddetti vincenti» commenta Paola Vinciguerra, presidente di Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico) e direttore dell’Uiap (Unità operativa attacchi di panico) alla Clinica Paideia di Roma.

Se infatti il sito è nato richiamandosi – anche nel nome – agli album fotografici che le università americane pubblicano a inizio anno accademico per ritrovare amici perduti, oggi i nostalgici a caccia degli ex compagni di classe sono solo uno dei tanti profili dei facebook-maniaci: ci sono i «troppo soli», gli insoddisfatti, quelli con l’alter ego, quelli che lo fanno per farsi pubblicità, i cuori infranti e, naturalmente, i latin lover virtuali.  Ma stando agli esperti, il crescente scambio di messaggi, foto e contatti possono essere anche la cartina di tornasole di un disagio sempre più diffuso. «L’enorme sviluppo di Facebook è anche spia di un grosso problema di solitudine – diagnostica la Vinciguerra , analizzando il fenomeno con l’Adnkronos salute – Abbiamo costruito la nostra vita su un’immagine capace, vincente, superorganizzata. Ma a 30-40 anni, che gli obiettivi che c’eravamo posti siano stati raggiunti o meno, si fa strada un senso di vuoto, perchè più che l’essere abbiamo curato l’apparire».

«COLOSSALE ILLUSIONE» – Così finiamo per ricercare quelli che sono sentiti come «rapporti veri: i compagni di scuola, gli amici di tante estati al mare, i ragazzi del cortile. Quelli a cui davamo e ricevevamo sostegno e comprensione sinceri. Oggi nel mondo reale recitiamo un po’ tutti – avverte la Vinciguerra – ma in passato non era così». «Facebook permette a tante persone di pensare di essere importanti, solo perchè hanno decine e decine di amici virtualì, ma purtroppo si tratta spesso solo di una colossale illusione», sostiene Tonino Cantelmi, psichiatra e psicoterapeuta, docente di psichiatria dell’Università Gregoriana di Roma, e fra i primi a occuparsi del problema delle tecno-dipendenze in Italia. «Occhio però, perchè dimenticano che resterà per sempre traccia sul web del cumulo di menzogne o banalità narcisistiche che si immette nella rete», avverte Cantelmi. E spesso le menzogne vengono al pettine, come è già accaduto nel caso di coppie in cui uno dei due si presenta single sul sito, e l’altro lo scopre. «Si è disperatamente in cerca di una realtà diversa, anche sentimentalmente, così si altera la verità», dice la Vinciguerra, e non basterà un incontro fugace fatto solo di sesso, magari in una squallida stanza di hotel, per illudersi di avere una relazione sentimentale.

GLI IDENTIKIT DEI «FACEBOOKMANIACI» – Ecco, secondo gli esperti, l’identikit dei popolo di Internet contagiato dalla Facebookmania.

1) I nostalgici: Si emozionano alla vista delle foto dei compagni di classe delle medie o del liceo. Cercano gli amici del passato per vedere come sono invecchiati, e commentano i bei tempi andati. Una nostalgia per i vecchi tempi che, di fatto, è un rimpianto per i rapporti veri e perduti, per un’infanzia e un’adolescenza ormai lontana e mitizzata.

2) I latin lover virtuali : Dichiaratamente a caccia di nuovi potenziali partner, ma anche di ex piacenti e disponibili. Spesso celano una relazione (se l’hanno) e rimpinzano il proprio profilo e gli album con foto sexy o interessanti, a volte ritoccate. In genere accumulano decine e decine di amici dell’altro sesso, con i quali fanno i misteriosi. «Ma alla fine si tratta di persone sole o profondamente infelici con il partner, che ricorrono a cumuli di banalità narcisistiche per rendersi interessanti», spiega Cantelmi.

3) I cuori infranti: Prostrati dall’ultima relazione, in corso o finita, sono a caccia degli antichi amori, mitizzano i ricordi. Hanno l’impressione di essersi persi per strada qualcosa di vero. «In questo caso l’insoddisfazione e la solitudine vanno a braccetto – spiega la Vinciguerra – e si cerca di darsi un’altra chance» grazie alla rete.

4)Gli insoddisfatti: Infelici anche se hanno una famiglia e dei figli, spesso sono donne. Non trovano spazio per il sogno, il romanticismo e quel pizzico di avventura, che finiscono per cercare su Facebook.

5) Quelli della pubblicità: Sono più o meno famosi, politici, campioni dello sport, attori. Ricorrono a Facebook in modo strumentale, per farsi mega-spot gratuiti.

6) Quelli con l’ater ego: Dai 400 burloni che si sono presentati nei panni del calciatore Francesco Totti, ai tanti Giulio Cesare o Maria Antonietta, a quelli che pubblicano foto diverse o ritoccano la descrizione vantando titoli ed esperienze di fantasia. Soli e in cerca di contatti, si mettono una maschera per ottenere attenzioni e credibilità nel mondo virtuale.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra