L’impatto dell’uragano Patricia “potrebbe essere catastrofico”: lo conferma il National Hurricane Center statunitense (Nhc) in un nuovo warning. Si prevede l’arrivo sulla terraferma nei pressi di Punta San Telmo, in Messico, entro le prossime 12 ore. In questo momento l’uragano ha venti con picchi a 325 chilometri orari. “Molto probabilmente” ‘Patricia’ sara’ l’uragano “più forte” da quando le autorità messicane hanno iniziato nel 1949 a seguire in modo sistematico questo tipo di fenomeni, ha detto il responsabile della Commissione nazionale per le risorse idriche, Roberto Ramirez de la Parra. E’ un “super-uragano”, affermano le autorità locali, che hanno decretato “l’emergenza straordinaria” in diverse località degli stati di Colima, Nayarit e Jalisco. Le raffiche di vento dell’uragano Patricia possono ragiungere i “400 km orari”, ha sottolineato il servizio meteo nazionale messicano(Smn). Patricia si sta d’altra parte muovendo ad una velocità di 19 km, ricordano i media locali, sottolineando quanto detto a Ginevra dalla portavoce dell’Organizzazione mondiale della metereologia, Clare Nullis: un uragano di categoria 5, come Patricia, “è in grado di sollevare un aereo e di mantenerlo per aria”. L’uragano Patricia “è ora considerato uno degli uragani più potenti e pericolosi mai registrati nella storia recente. Avvertiamo i cittadini americani che si trovano in zona di prendere tutte le misure necessarie per proteggersi”. E’ quanto si legge in una nota del dipartimento di Stato Usa ai concittadini in Messico. “Mettetevi al riparo ove necessario”, aggiunge il dipartimento. Il presidente messicano, Enrique Pena Nieto, ha convocato una riunione di emergenza per coordinare le operazioni di assistenza negli stati di Jalisco, Nayarit e Colima, sulla costa pacifica del paese, dove è atteso fra qualche ora l’arrivo del ‘super-uragano’ Patricia. Pena Nieto ha affidato a tre membri del suo gabinetto il compito di monitorare le azioni in ognuno dei tre Stati: José Calzada (Agricoltura) sarà responsabile per Colima, Gerardo Ruiz (Comunicazioni) per Jalisco e Enrique de la Madrid (Turismo) per Mayarit. Il presidente ha lanciato un appello urgente alla popolazione di queste regioni, chiedendo che restino in allerta e seguano le raccomandazioni delle autorità locali, tenendo in conto che secondo gli esperti Patrica è “estremamente pericoloso” e potrebbe avere effetti devastanti. Shopping frenetico sulla costa pacifica – Dalle prime ore della mattina gli abitanti dei principali centri urbani sulla costa pacifica meridionale del Messico hanno cominciato ad affollare supermercati e negozi per attrezzarsi a poche ore dall’arrivo su terra ferma dell’uragano Patricia, il più violento che si sia registrato nella storia del Paese. A Manzanillo, uno dei principali porti del paese, nello stato di Colima, e nelle località turistiche di Puerto Vallarta (Jalisco) e Nuevo Vallarta (Nayarit) si possono vedere lunghe file di residenti dall’apertura dei negozi locali, mentre molti rinforzano le loro case con pannelli di legno per proteggere porte e finestre, in previsione dell’arrivo del “superuragano”. Bidoni di acqua minerale, scatolette di alimenti, medicine e materiali isolanti sono i prodotti più richiesti e tutti cercano di concludere gli acquisti al più presto possibile, tenendo conto degli appelli di emergenza lanciati dalle autorità, che consigliano ai residenti delle regioni a rischio di rinchiudersi in casa prima che Patricia tocchi terra ferma, fra le 16 e le 18, ora locale (le 23 di oggi e l’una del mattino di domani in Italia).

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra