Sono selfie da contenuto minaccioso fatti davanti al Colosseo o il Duomo di Milano. Sedicenti militanti dello Stato islamico che proclamano di essere già «sulle vostre strade» e di stare «aspettando l’ora zero». Minacce di grande impatto mediatico, a tre giorni dall’apertura dell’Expo. L’Isis ha fatto della «conquista di Roma» uno dei suoi cavalli di battaglia nella propaganda sul Web e ora in numerosi account twitter di simpatizzanti appaio foto con bigliettini scritti in arabo, e anche in italiano, davanti a luoghi simbolici, o anche sull’autostrada Milano-Bergamo, che vogliono dimostrare che lo Stato islamico è pronto a colpire anche in Italia.  Le foto sono state postate sull’account @frances48940676, (già sospeso) che sarebbe riconducibile a un giovane tunisino che ha espresso più volte la sua volontà di unirsi agli jihadisti nel suo Paese. Ma non si conosce ancora la reale pericolosità del simpatizzante o se abbia altri complici nella sua opera di propaganda. Per la nostra Intelligence si tratta di un’azione di «guerra psicologica», da valutare «con attenzione» ma «in mancanza di elementi specifici di allarme». Una «jihad della parola» che per il momento non preoccupa più di tanto.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra