In Liguria, nell’entroterra spezzino che si chiama Scogna Sottana troviamo una casa “famosa”. Questa nota villa è la “Casa del Violino”, chiamata in questo modo perché in passato era abitata da un giovane e famoso musicista. Il giovane era un vero e proprio appassionato di musica e si esercitava tutti i giorni. Purtroppo una lunga e travagliata malattia lo portò alla morte. Sulla morte del giovane si ha però un’altra teoria. Il ragazzo suonava incessantemente il suo violino, la sua dedizione ad esso rasentava quasi la follia, follia che lo portò ad isolarsi dal mondo esterno restando sempre rinchiuso nella villa. Un giorno però non si senti più alcun suono di violino e passarono diversi mesi senza che si avvertisse alcuna musica. Passati diversi mesi del giovane musicista non si trovò nessuna traccia, come se fosse stato risucchiato da un vortice invisibile. L’unica cosa rimasta del ragazzo era il suo prezioso violino che era rinchiuso in una custodia e sigillato ermeticamente. Anche oggi non si sa che fine abbia fatto il ragazzo, se si sia suicidato o sia stato ucciso. Comunque già al tempo si narrava che, dopo la morte del ragazzo, la casa rimase lungamente senza un proprietario, quindi disabitata in quanto veniva avvertita la presenza del giovane defunto attraverso il suo violino. In che senso? Senza che alcuno lo toccasse il violino del giovane musicista iniziava a suonare da solo.

Era il SUO violino, il violino del giovane e sembrava prendesse vita come suonato da una presenza. Da quel momento chiunque poteva entrare nella casa e rimanere lì e soggiornarvi per pochi giorni. Molti dei temerari che hanno tentato di rimanere accampati all’interno della suddetta casa hanno fatto delle affermazioni sconvolgenti: alcune notti potevano sentire il violino del musicista morto cominciare a suonare da solo, nonostante che esso fosse chiuso in una bacheca dentro ad un mobile e nessuno lo toccasse, contemporaneamente a delle inquietanti urla tra le mura della villa, urla quasi del tutto certamente del fantasma del violinista che ancora “viveva” nella casa. Pochi “coraggiosi e intrepidi” hanno scelto di rimanere una notte dentro la Casa del Violino. Essi hanno potuto confermare, senza ombra di dubbio e con grandissimo stupore misto a un certo timore, che il violino usciva fuori dalla custodia in cui era stato posto e iniziava a suonare da solo. Il fatto che non si sappia l’esatto motivo della morte del giovane musicista (omicidio, suicidio, malattia grave) potrebbe essere la causa del girovagare per la casa del suo fantasma. Forse lo stesso cerca la sua pace suonando il suo amato violino.

Purtroppo nella Casa del Violino non si verificavano solo episodi così “piacevoli” come un violino che suona da solo ma anche momenti di terrore. C’è chi afferma che, ancora oggi, dalla Casa del Violino si sentano provenire urla e lamenti. Essi sostengono che nella casa ci sia la presenza o lo spirito del giovane musicista morto e che si aggiri ancora nella sua antica dimora. Sono state condotte delle ricerche più approfondite ma è tutt’ora difficile individuare la collocazione precisa della Casa del Violino, non trovando nemmeno la stessa località Scogna Sottana. Quest’ultima non esiste nemmeno nelle carte e si suppone allora che si tratti di un’antica denominazione della località Scogna Inferiore, frazione di Sesta Godano. Questo paese è talmente minuscolo da non essere nemmeno presente nelle mappe di Google Maps. Per questo l’esatta ubicazione della casa è molto difficile da individuare e occorre fare dei giri impensabili per la campagna alla sua ricerca, cosa che rende il tutto ancora più misterioso.
Siete così coraggiosi da andare alla ricerca di questa antica casa nascosta?

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra