Per la nostra rubrica sui fantasmi nei castelli italiani oggi facciamo una tappa straordinaria fuori nazione, esattamente in Colombia. Perché proprio in Colombia? Perché è la patria dell’Hotel più infestato al mondo. Soffrite di acrofobia (paura dell’altezza) o di vertigini? Allora non è l’Hotel per voi. A prescindere da questo il posto vale il superamento di tale timore. 157 metri di altezza che vi faranno immediatamente rendere conto di come questo albergo sia noto con il nome di Hotel del Salto. Esso è famoso proprio per essere il luogo dei suicidi ma non solo. Tra quelle mura vivono gli spiriti delle anime che pretendono ancora giustizia invadendo tutta la struttura e facendosi sentire e vedere spesso dai curiosi e da quei turisti che fanno un giro da quelle parti in cerca di misteri e segreti che riguardano l’Hotel dalla sua fondazione ai giorni nostri. L’Hotel del Salto si trova in Colombia su una rocca sporgente che sovrasta la vallata di Tequendama, che deve il suo nome alle suggestive cascate che riversano le proprie acque sul fiume Bogotà. Da esso si può godere di un panorama meraviglioso in quanto si affaccia sull’intera zona che è circondata dalla natura e dalle acque che libere scorrono e sono da sempre là, come per osservare i terribili avvenimenti che hanno accompagnato la storia dell’Hotel e che oggi ancora si fanno vedere per svelarci ciò che non può essere manco immaginato. La sua costruzione è iniziata nel 1923 ed fu inaugurato nel 1924 (secondo altre fonti 1928). Grazie alla sua incredibile posizione l’Hotel, dopo poco tempo, diventò uno dei più famosi della Colombia. La sua ubicazione però ha un duplice effetto: un lato paradisiaco e un lato infernale. Infatti durante gli anni 40 del 20’ secolo il bar dell’Hotel diventò il luogo di ritrovo di alcolizzati di svariata estrazione sociale che, tra una bevuta e l’altra, si lasciavano scappare dalla bocca opinioni colorite che spesso sfociavano in risse furiose. La cronaca dell’epoca e gli archivi storici riferiscono che, a seguito di tali risse, alcuni uomini trovarono la morte cadendo giù dal precipizio che affaccia sul fiume Bogotà. Oltre a questa consuetudine si aggiunse un’altra strana moda: persone da tutto il mondo prendevano alloggio nell’Hotel per poi suicidarsi lanciandosi dalla propria stanza o dal tetto della struttura. Questo problema divenne molto sgradevole e i proprietari non riuscivano a trascorrere una vita serena sin dai primi anni della sua fondazione. L’attività dell’Hotel rimase positiva fino agli anni 90, quando dopo risse, apparizioni misteriose e suicidi multipli, decise di chiudere.


Gli abitanti della zona sono tutt’ora spaventati dagli strani accadimenti che avvengono tra quelle mura. Molti dei turisti infatti sono stati testimoni (o vittime, a seconda della propria opinione) di surreali visioni di fantasmi che si affacciano dalle finestre o dalle terrazze che sporgono verso la morte, protesi nel vuoto che spegne ogni vita. Purtroppo la struttura è stata lasciata a se stessa per molti anni e nessuno, all’infuori di impavidi cercatori di fantasmi, riuscì ad entrare in quell’Hotel da paura, da brivido, dove le terrazze grandi che si affacciano sul fiume erano il via per pazzeschi salti nella morte. Le anime di tali persone sono ancora lì che, se si guarda per un attimo nel vuoto (roba da far venire il panico al più forte di cuore) osservano per sempre il posto dove sono finiti. Recentemente è stato ristrutturato e trasformato in un museo. Ci sono diverse testimonianze di turisti che, visitando l’Hotel attraverso le loro telecamere, hanno ripreso strani movimenti circondare l’edificio, come se qualcosa o qualcuno di innominato si muova osservando le persone che da lontano guardano lo spazio dove si muore. Quanti segreti sono nascosti all’interno dell’Hotel? Cosa spinse e spinge tutt’oggi gli uomini ad andare in quel posto per ammazzarsi? L’albergo nel suo interno ricorda la ricchezza degli ospiti che lo abitarono ma allo stesso momento le strane presenze che ne fanno parte in cerca di aiuto che rimarrà inascoltato all’infinito, rendono tutto triste e lugubre. I soffitti alti, le enormi stanze, le decorazioni lussuose sono solo il contorno di ciò che si avverte nell’aria, un vento freddo, un richiamo, una voce che si disperde nelle acque del fiume Bogotà che fa da unico spettatore delle più nascoste e macabre vicende che rendono il posto un luogo di morte, terrore & sofferenza. Tutt’oggi molte persone cercano la morte nel fantastico getto dell’Hotel, il loro sangue sporca il fiume, lo stesso fiume che guarda verso l’alto la sofferenza o il richiamo pieno di mistero che li spinge a morire. Ogni morte che si aggiunge alla già lunga lista aumenta il numero di strane visioni. IL mondo non saprà mai dire il perché di questi strani fenomeni paranormali: non essendo di questo mondo sono accadimenti inspiegabili. Tutto ciò non vi spinge a fare visita a questo affascinante Hotel?

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra