Nella basilica di San Vincenzo al Prato a Milano stamani c’erano più di cinquecento persone alle esequie di Andrea Brambilla, l’attore passato alla storia della TV e del teatro italiano con il nome d’arte di Zuzzurro, morto all’istituto oncologico di Milano due giorni fa. In prima fila la famiglia, con la moglie Pamela Aicardi e i figli insieme a Nino Formicola – compagno di una vita sulle scene con il nome di Gaspare – visibilmente turbato. Dietro di loro gli amici e i colleghi, da quelli che hanno conosciuto Zuzzurro fin dagli esordi, come Marco Columbro (“abbiamo cominciato insieme nel 1976 e girato tutta l’Italia: erano bei tempi”) ed Enrico Beruschi (“lo conoscevo da quando si esibiva senza Gaspare nei piccoli cabaret, ne abbiamo fatte di cose insieme!”), passando per Massimo Buscemi, Carlo Pistarino, Silvio Orlando, Maurizio Nichetti, Ricky Gianco e molti altri che hanno incrociato Brambilla in 40 anni di cabaret, teatro, cinema e Tv. A salutare Zuzzurro però non c’erano solo colleghi del passato, ma anche artisti più giovani che al pari di Zuzzurro hanno scelto il mestiere di comico e il palcoscenico di Milano, come Sergio Conforti (Rocco Tanica negli Elio e Le Storie Tese), Ale & Franz e Valentino Picone. La presenza di diverse generazioni di comici e gli applausi della folla alla partenza del feretro sono il segno del contributo che Zuzzurro ha saputo dare fino all’ultimo allo spettacolo italiano: “Andrea ci lascia una bella impronta di battute e risate”, il commento di Enrico Beruschi.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra