Trema la terra in Campania. La scossa piu violenta è stata registrata alle 18.08, sui monti del Matese. L’evento sismico è stato preceduto da un terremoto di entità minore verificatosi 5 minuti prima con una magnitudo pari a 2.7 gradi sulla scala Richter. Tutt’ora è in atto uno sciame sismico con scosse che vanno dai 2.2 ai 2.8 gradi, l’ultima registrata (nel momento in cui scrivo) alle ore 20.00, di gradi 2.6. Per vedere la lista di tutti i terremoti registrati basta visitare il sito dell’istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Tutte le scosse hanno avuto come epicentro il distretto sismico dei monti del Matese, in provincia di Caserta,  ma la scossa piu forte è stata avvertita in tutto il Molise, nel Salernitano, nel Casertano, Beneventano, Avellinese e anche a Napoli, dove il sindaco Luigi de Magistris, con un messaggio su twitter ha dichiarato che al momento non si registrano danni a persone o cose. Anche il sindaco di Campobasso, Luigi Di Bartolomeo, ha dichiarato: «Sto girando la città e al momento non si segnalano danni, solo tanta paura tra la gente» A Isernia, il sisma preceduto da un boato fortissimo, è durato circa 15 secondi in due riprese. I centralini di Prefettura e Vigili del Fuoco sono stati presi d’assalto solo per il panico, ma non ci sono state comunicazioni di pericoli o guasti alle case. Paura anche tra i turisti che si trovavano a Campitello, la piu importante località sciistica del Matese, che si sono riversati nei piazzali e nei parcheggi della località: gli alberghi di Campitello Matese, località molisana più vicina all’epicentro, sono strapieni di villeggianti dalle regioni vicine. Tra Napoli e Caserta la gente è scesa in strada, notevole lo spavento con i muri e i lampadari che hanno ballato riportando la memoria indietro fino al terremoto del 23 novembre 1980.

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra