IL matematico italiano Guido Menzio era in attesa di decollare dall’aeroporto di Philadelphia. Nel frattempo stava risolvendo un’equazione differenziale sul suo block-notes. Ad un certo punto la passeggera che gli stava accanto, insospettita da quei strani segni e dai sui tratti mediterranei, lo ha accusato di essere un terrorista. Lo stupore di Guido è palese. Lui, torinese è professore di economia all’università della Pennsylvania. Secondo quanto riporta il Washington Post, l’economista era diretto a Syracuse, nello Stato di New York, per tenere un discorso alla Queen’s University di Ontario, in Canada. Raccontando la sua vicenda su Facebook, Menzio dice che era a bordo del volo 3950 dell’American Airlines e che “la passeggera seduta accanto a me ha chiamato l’hostess e le ha passato un biglietto”. Ad insospettirla, probabilmente, anche i capelli scuri e ricci, la pelle olivastra e l’accento straniero del giovane docente della prestigiosa Ivy League.
A quel punto l’aereo, pronto a decollare, è tornato indietro. Il professore è stato quindi fatto scendere e portato davanti ad alcuni agenti della sicurezza a cui ha potuto spiegare che quei strani segni sul suo taccuino non erano i dettagli scritti in arabo, o un’altra lingua straniera, o anche qualche codice terrorista segreto per distruggere decine di vite di innocenti a bordo dell’aereo. Quelle scritte erano semplicemente appunti di matematica. Per alcuni la matematica è arabo ma questa donna ci ha creduto sul serio!!!

Roba dell’altro mondo!

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra