Esasperata da continue angherie ed episodi di bullismo una ragazzina di 12 anni – e che frequenta la seconda media – si è gettata questa mattina dalla finestra della sua cameretta, al secondo piano di un condominio di Pordenone. Fortunatamente è rimbalzata sulla tapparella aperta di una finestra al primo piano, che ha attutito la caduta. Sono stati i genitori, entrati in camera per farle l’aerosol, ad accorgersi che la finestra era aperta e che la ragazzina giaceva riversa nel cortile dell’abitazione. La dodicenne è stata trasportata d’urgenza in ospedale. Secondo le prime informazioni non sarebbe in pericolo di vita, ma ha riportato numerose fratture: si sospetta una lesione della colonna vertebrale. La polizia, intervenuta sul posto con due volanti, sta cercando di chiarire meglio i contorni del gesto, alla cui origine probabilmente ci sono episodi di bullismo subiti da parte dei compagni di classe. La ragazzina ha infatti scritto due lettere, con la data di un giorno della scorsa settimana, ritrovate stamattina in camera: una indirizzata ai suoi genitori in cui chiedeva scusa per quanto si accingeva a fare, una ai compagni di classe in cui diceva invece “ora sarete contenti”. Oltre che nelle lettere lasciate sulla scrivania, la piccola anche nelle prime fasi dei soccorsi, tanto al personale del 118, quanto alla mamma e pure agli agenti della squadra volante della polizia di Stato, che stanno svolgendo le indagini, ha ripetuto il proprio disagio per i difficili rapporti con amici e coetanei della scuola. Gli agenti della squadra volante, in collaborazione con i colleghi della polizia scientifica e della polizia postale, stanno acquisendo informazioni in merito alla messaggeria del telefono cellulare della ragazzina e alla eventuale attività nei social network. Gli investigatori intendono capire se possa esserci stata nell’ultima settimana, che la dodicenne ha trascorso a casa senza andare a scuola a causa di un prolungato malessere, una causa scatenante che l’abbia convinta a lanciarsi. «Il tentativo di suicidio di una 12enne a Pordenone, che secondo le prime ricostruzioni sarebbe stata spinta a questo gesto dalle vessazioni continue dei compagni di scuola, rappresenta un episodio inquietante che ci impone di accelerare sul disegno di legge per il contrasto del bullismo e del cyberbullismo». Lo dichiara, in una nota, la deputata del Pd e responsabile nazionale de partito per l’infanzia e l’adolescenza, Vanna Iori. «Il ddl, ora all’esame delle commissioni competenti alla Camera, deve rientrare necessariamente tra le priorità dell’aula di Montecitorio perchè, come evidenzia l’ultimo rapporto dell’Istat, il fenomeno è in crescita e non possiamo tardare con il mettere in campo soluzioni adeguate per contrastarlo», spiega. «Alla Camera sono state presentate diverse proposte, tra le quali ne figurano due a mio nome, per introdurre tutti gli elementi di prevenzione e di contrasto che servono a cercare di dare una risposta alla sofferenza di tanti minorenni per i quali la violenza, psicologica prima che fisica, costituisce oggi un ostacolo insormontabile verso il pieno sviluppo della propria personalità», aggiunge la deputata del Pd, «confido nel fatto che si possa arrivare ad approvare il provvedimento in tempi brevissimi e, soprattutto, che il Parlamento affronti questo tema con una logica ispirata al principio della collaborazione».

The following two tabs change content below.

Emidio

Amministratore a DiarioNet
Web Architect - Web Developer - Web Designer - Web Master - Blogger - Orientato a sinistra