Skip to main content

Gli immigrati e il regalo del governo giallorosso, più rosso che giallo

Senza la Lega al governo PD e M5s si preparano a regalare il Reddito di Cittadinanza a 300 mila immigrati.

Il reddito di cittadinanza cambia in base al coniuge del Movimento 5 Stelle. Pare evidente come l’asse con il Partito democratico faccia ben sperare gli immigrati, che da settembre hanno iniziato a credere davvero che lo Stato darà loro un sussidio.

La riforma voluta dai grillini era stata digerita forzatamente dalla Lega, che però aveva preteso dei paletti rigidi per limitare il numero di stranieri beneficiati: gli extraeuropei devono farsi rilasciare dal proprio Stato di origine un documento che certifichi la composizione del loro nucleo familiare, il reddito e il patrimonio, traducendolo e facendolo convalidare dal consolato.

Ma sulla base dei dati dell’Inps scatta l’insurrezione: “solo” 53.971 famiglie extracomunitarie residenti in Italia hanno avuto regolarmente accesso al reddito o alla pensione di cittadinanza, si tratta del 5,6% su un totale di 960.007 beneficiati. Al vaglio del governo dunque vi è l’ipotesi di rendere meno robusti i criteri per ricevere il reddito di cittadinanza. Tuttavia non dovrebbe cambiare il requisito che limita la concessione del sussidio a chi risiede da dieci anni nel nostro Paese, valido anche per i cittadini italiani.

Il governo del ribaltone vuole dare il reddito di cittadinanza a 154 mila stranieri che, fino ad oggi, non hanno potuto averlo grazie al blocco deciso quando la Lega era al governo.

Lo scorso 5 luglio l’Inps ha infatti sospeso le richieste di sussidio presentate dagli extracomunitari dal mese di aprile in poi, in attesa che il ministero del Lavoro pubblicasse la lista comprendente quei Paesi i cui cittadini sono esonerati dall’obbligo di presentare una certificazione dei redditi e di quanto posseduto in patria: è la famosa ‘clausola Ceccardi’ che sta depennando dalle liste in tante città italiane

Ieri lo stesso ministero ha fatto sapere che la lista arriverà nei prossimi giorni, addirittura entro questo fine settimana. Così da accelerare il reddito di cittadinanza agli immigrati.

E ci sono 172 mila immigrati che invece il reddito l’hanno ottenuto – perché hanno presentato la richiesta prima della conversione del decreto in cui la Lega ha imposto la clausola – ma che adesso dovrebbero perderlo. Il motivo? Avevano sei mesi di tempo, scaduti, per presentare le certificazioni necessarie, non le hanno presentate: perché hanno proprietà e soldi in patria. Ma volevano i soldi dai contribuenti italiani.

E ora, il governo del ribaltone vuole fare in fretta, pubblicando una lista probabilmente ridicola che includerà tutti i Paesi di chi ha fatto richiesta, dando così il reddito ad oltre 300mila immigrati: non chiamatelo ‘reddito di cittadinanza’, grillini, chiamatela ‘marchetta per l’invasore’.

Legge di stabilità – Tagli a tasse casa e Ires, canone Rai in bolletta e ridotto, il Governo vara una manovra da 27-30 miliardi

E’ finita poco prima delle 15 la riunione del Consiglio dei Ministri che ha trattato della Legge di Stabilità 2016, manovra da 27-30 miliardi, con un elastico di cifre che dipende dal riconoscimento o meno in sede europea di un margine di flessibilità pari allo 0,2% del Pil (circa 3 miliardi di euro), alla luce dell’emergenza migranti. La maggior parte di quei denari, 17 miliardi, servono per sterilizzare le clausole di salvaguardia ereditate dal passato. Alla Finanziaria il presidente del Consiglio ha attribuito lo slogan “L’Italia con il segno ‘più'”, nel corso di una in conferenza stampa partita con il cordoglio per le vittime degli eventi del maltempo. Presentando il testo, Renzi ha sottolineato che “per la prima volta nella storia repubblicana con il nostro governo le tasse vanno giù” e ha citato gli interventi quali il bonus da 80 euro, il taglio di Imu e Tasi e gli interventi su Ires e Irpef già definiti o in arrivo nei prossimi anni. “Si scrive ‘legge di Stabilità’, ma si pronuncia ‘legge di fiducia’. Il nostro destino non è Bruxelles, a New York, a Pechino; è nelle nostre mani”, ha detto ancora il premier. Proprio sul rispetto dei dettami comunitari: “C’è una parte tra di noi che ritiene che le regole europee debbano essere rispettate e una parte che vorrebbe applicarle con un pochino più di fantasia. La nostra scelta è di rispettare le regole europee avendo fatto un lavoro gigantesco per cambiarle”. Nella sua introduzione, Renzi ha parlato di un taglio dell’Ires, la tassa sui profitti delle imprese, al 24% dal prossimo anno. L’anticipo rispetto al calendario iniziale, che prevedeva il taglio dal 2017, dipende però dall’ok Ue allo sfruttamento dei margini sull’emergenza migranti: “Se ci sarà questa clausola, saremo ben felici di usarla per l’Ires e ulteriori interventi sull’edilizia scolastica”. Parlando delle “molte buone notizie” contenute nella Finanziaria, ha annunciato gli attesi interventi sui “minimi per le partite Iva, una sorta di Jobs Act per i lavoratori autonomi”. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha aggiunto: “Questa manovra porta un notevole abbattimento delle tasse, sulla prima casa ma anche sull’attività dell’impresa: abbattiamo le tasse su tutto il campo”. Nel dettagliare il testo, il premier è tornato a fare uso delle slide per spiegare gli interventi. A cominciare proprio dall’abolizione delle tasse sulla prima casa, per poi annunciare un intervento straordinario sulle case popolari di efficientamento energetico ed edilizio. Confermati dunque i ‘super-ammortamenti’: le aziende che investono in macchinari possono ammortizzare il 140% del loro valore. Al quarto punto, Renzi ha messo il ‘Paese più semplice’ che riguarda le misure sul contante per le partite Iva e gli autonomi. Sotto la sigla del ‘Paese più autorevole’ vanno le misure per il rafforzamento della cooperazione internazionale in Africa, sotto quella del ‘Paese pià orgoglioso’ l’assunzione di mille ricercatori e l’introduzione di 500 cattedre speciali e altrettante “assunzioni nella cultura”. Per l’edilizia, conferma a “ecobonus e bonus mobili e altre misure confermate e questa è un’altra buona notizia”. Lo sblocco dei soldi dei Comuni (675 milioni) in avanzo, ma congelati dalpatto di Stabilità, è un altro degli interventi proposti, con 450 milioni di intervento per “chiudere la ferita della Terra dei Fuochi”; sempre guardando alSud sono stati inseriti fondi per la Salerno-Reggio Calabria e stanziamenti per l’Ilva. Ancora, sul versante sociale, 400 milioni per il servizio civile e, su quello dell’agricoltura, l’abolizione dell’Imu agricola e dell’Irap (800 milioni). Entrano inoltre nella manovra anche il finanziamento del Fondo per le agevolazioni assicurative in agricoltura contro le calamità naturali con 140 milioni di euro e una dotazione di 45 milioni per il rinnovo delle macchine agricole. Confermato anche l’intervento inserito nel Piano latte del ministro Maurizio Martina a favore degli allevatori, con l’aumento della compensazione Iva da 8,8% a 10% per i produttori di latte. In tema di lotta alla povertà, con 600 milioni impegnati, Renzi ha annunciato misure soprattutto per i minori, con interventi coordinati con Comuni, terzo settore e fondazioni bancarie (social card). Anche sulle pensioni si conferma l’esclusione di una flessibilità in uscita vera e propria, ma entrano il part-time, un innalzamento della no-tax area, l’opzione donna e la salvaguardia per gli esodati. Mezzo miliardo riguarda ancora la contrattazione di secondo livello, 300 milioni i contratti pubblici. Rispetto alla vigilia si conferma anche il canone Rai nella bolletta della luce: sarà ridotto nel 2016 dagli attuali 113,50 a 100 euro per poi scendere a 95 euro nel 2017. I tecnici sono ancora al lavoro per la definizione della norma. L’ipotesi più accreditata è che il canone sia spalmato in più rate con la cadenza bimestrale delle bollette della luce, permettendo così di non pesare troppo sui consumatori e ridurre il rischio morosità. Sulla sanità è stato confermata la dotazione del fondo di 111 miliardi, contro i 113 attesi. Nella voce dei risparmi va anche il taglio promesso da 8mila a millepartecipate. “La spending review sarà quello che ci aspettavamo, al netto degli interventi sulle tax expenditure: circa 5 miliardi”, ha spiegato Renzi dimezzando dunque l’obiettivo rispetto ai 10 miliardi annunciati nei mesi scorsi. 1 miliardo è atteso dalle norme sui giochi, dalla voluntary disclosure – il rientro dei capitali detenuti illegalmente – si prevedono incassi per 3,4 miliardi. La flessibilità Ue, va ricordato, nella sua massima portata vale 16-17 miliardi con l’innalzamento del rapporto deficit/Pil fino al 2,4%. Una stretta è prevista nella decontribuzione per chi assume a tempo indeterminato (nel 2015 copre fino a 8mila euro di contributi: “Entro il 31 dicembre ci saranno sgravi nella loro interezza, per chi assume nel 2016 lo sgravio si riduce del 40%” e poi si ridurrà ancora. Il testo dovrà ora passare all’esame del Parlamento e di Bruxelles; l’Europa avrà tempo fino alla fine di novembre per dare l’ok, ma se dovesse chiedere modifiche sostanziali (come avvenuto nei giorni scorsi per la Spagna) si farà sentire nel giro di un paio di settimane. Già il vicepresidente Valdis Dombrovskis è tornato a farsi sentire in riferimento all’annunciata abolizione della tassazione sulla prima casa: sul fisco, la Commissione europea conferma l’invito a spostare la tassazione dal lavoro a consumi, proprietà e capitale, mentre “l’azione decisa dal governo italiano non va in questa direzione: dovremo discutere con le autorità italiane per capirne le ragioni”. Proprio a lui ha risposto indirettamente Padoan quando ha rimarcato che il taglio del Fisco è “a tutto tondo”. Questa sarà l’ultima Stabilità: dal prossimo anno tornerà ad abbinarsi, infatti, alla legge di Bilancio che dall’abolizione della Finanziaria viaggia su binari paralleli.